| FP6 | FP7 | FP8 |

Barilla è impegnata nello sviluppo di prodotti caratterizzati da un gusto eccellente e da un continuo miglioramento del profilo nutrizionale in relazione a una dieta equilibrata e sostenibile.

Le regole di questo impegno sono state definite, nel corso degli anni, attraverso le Linee Guida Nutrizionali Barilla, che si pongono alla base del miglioramento continuo dei prodotti esistenti e del lancio di nuovi prodotti in grado di promuovere il benessere delle persone, attraverso stili di vita sani e un’alimentazione corretta.

Le Linee Guida Nutrizionali Barilla

Le Linee Guida Nutrizionali, definite nel 2009, vengono aggiornate ogni tre anni sulla base delle indicazioni per una dieta corretta definite a livello internazionale, quali ad esempio le “Dietary Guidance for Americans” o i “Livelli di assunzione raccomandati di nutrienti ed energia” (LARN).

Nel processo di aggiornamento delle linee guida, l’unità di Nutrizione di Barilla collabora con l’Health and Wellbeing Advisory Board, un organo consultivo composto da esperti internazionali in nutrizione e in vari ambiti della medicina che affianca l’Azienda sui temi di ricerca nutrizionale.

HEALTH AND WELLBEING ADVISORY BOARD

L’Health and Wellbeing Advisory Board è il gruppo di esperti internazionali che guiderà Barilla, nei prossimi anni, nella comprensione e promozione di corretti stili di vita, compiendo un passo avanti rispetto al Nutrition Advisory Board che dal 2004 ad oggi si è focalizzato sull’ evoluzione “nutrizionale” della gamma di prodotti del Gruppo.
L’Health and Wellbeing Advisory Board supporterà infatti Barilla nella definizione di strategie di salute e benessere, al fine di avere una prospettiva completa dei bisogni delle persone per una vita sana.

Health and Wellbeing Advisory Boar

Le Linee Guida delineano i criteri e i valori di riferimento dei principali nutrienti all’interno dei prodotti, definiti tenendo in considerazione il contenuto nutrizionale di ogni singolo alimento e l’impatto sulla dieta delle persone. In particolare vengono fornite indicazioni precise con riguardo a grassi, sodio, zuccheri e apporto calorico.

Inoltre, per poter misurare l’effetto dell’applicazione delle Linee Guida all’evoluzione del range di prodotti, il Gruppo calcola il Barilla Nutrition Index, basandosi sulla classificazione del portafoglio prodotti in tre categorie:

  • Joy for you: prodotti gustosi e appaganti ma allo stesso tempo molto ricchi di energia, il cui uso è consigliato con moderazione.
  • Better for you: prodotti riformulati sulla base dei criteri delle Linee Guida Nutrizionali e nuovi prodotti con uno o più nutrienti migliorati rispetto alla media di categoria.
  • Good for you: prodotti pienamente conformi ai requisiti stabiliti dalle Linee Guida.

Ai prodotti, a seconda della categoria, è associato un punteggio che può variare da un minimo di 0 per i prodotti classificati “Joy for You” a un massimo di 1,25 per i prodotti della categoria “Good for You”, che sono stati riformulati per migliorare ulteriormente il profilo nutrizionale, anche se già in partenza pienamente conformi alle Linee Guida.

Moltiplicando i volumi di vendita dei prodotti per il punteggio assegnato alla loro famiglia di appartenenza si ottiene il Barilla Nutrition Index. L’obiettivo del Gruppo per il 2020 è di continuare a migliorare il profilo nutrizionale delle ricette e potenziare la proposta di prodotti conformi alle Linee Guida in modo da mantenere un indice superiore a 91,5, valore target fissato per il 2020 e ora in corso di riformulazione.

L’andamento del Nutrition Index
201620172020
9395,591,5

Prodotti allienEati alle linee Guida Nutrizionali Barilla
201520162017
85%86%86%

NUTRI-SCORE: ETICHETTE A SEMAFORO PER TUTELARE I CONSUMATORI

Nel corso del 2017 la Francia ha adottato ufficialmente il sistema di etichettatura nutrizionale Nutri- Score.

Le etichette a semaforo di tipo Nutri–Score rappresentano una semplificazione schematica della complessa lista di ingredienti e delle caratteristiche nutrizionali che un alimento può avere, costituendo in tal modo il miglior sistema per aiutare il consumatore a capire le caratteristiche nutrizionali di un prodotto in modo chiaro e immediato attraverso l’impiego di cinque colori, dal verde al rosso, a cui corrispondono cinque lettere dell’alfabeto, dalla ‘A’ alla ‘E’. Il colore viene attribuito considerando la presenza di ingredienti e nutrienti da limitare, come gli zuccheri semplici e il sale, ma anche quelli positivi per la salute, come le fibre. Lo schema è molto semplice: il rosso indica un alimento da assumere con moderazione, il verde un cibo importante per una corretta alimentazione, mentre il giallo invita a consumare il prodotto senza esagerare, per mantenere una dieta equilibrata. Tali etichette sono state accolte con entusiasmo sia dall’OMS e sia dalle associazioni dei consumatori.

Barilla ha deciso di adottare il nuovo sistema di etichettatura dei prodotti per il marchio Harrys, consapevole di quanto tale strumento possa fornire importanti indicazioni ai consumatori e accrescere la loro attenzione verso il consumo di cibi salutari ed equilibrati dal punto di vista nutrizionale.

Etichette a semaforo di tipo Nutri–Score
I Piani di Riformulazione Barilla

Dal 2009 il Gruppo, con il progetto “Better Nutrition”, si impegna non solo a lanciare nuovi prodotti, ma anche a riformulare le ricette esistenti in coerenza con le linee guida nutrizionali, così da migliorare i profili nutrizionali e contribuire attivamente al benessere delle persone e alla diffusione di diete sane ed equilibrate. Grazie a tale progetto Barilla ha migliorato il profilo nutrizionale di 387 prodotti dal 2010. 

Prodotti riformulati per migliorare il profilo nutrizionale
201520162017
1314126

Inoltre, nel corso dell’anno il Gruppo Barilla ha anche attivato il piano “Sugar 2.0” che prevede la riformulazione di differenti tipologie di prodotti così da ridurre la componente di zuccheri. La prima fase del progetto ha posto particolare attenzione alla revisione delle ricette di sughi pronti e di pro   dotti da forno. Con riferimento allo zucchero, le linee guida nutrizionali Barilla, richiedono la presenza di una dose inferiore o uguale al 20% del peso della porzione per i prodotti dolci e un peso inferiore o uguale ai 10 grammi per i prodotti monoporzione. A tal fine, le attività di riformulazione prevedono:

  • Ove possibile di ridurre il contenuto di zuccheri aggiunti, senza compromettere il gusto del prodotto e l’esperienza delle persone;
  • Di lavorare sul peso delle porzioni, in particolare nei prodotti monoporzionati, partendo da quelli che hanno valori di zuccheri superiori ai 10g;
  • Di sviluppare nuovi prodotti a minor contenuto di zuccheri e continuare la ricerca di ingredienti innovativi che possano aiutare a ridurre la dosi di zuccheri.

Parte integrante del programma Sugar 2.0, oltre alle azione precedentemente descritte, è l’attività di informazione a consumatori svolta da Barilla sia attraverso i contenuti dei siti propri siti web sia attraverso i messaggi presenti sulle confezioni dei prodotti.

Ad oggi sono stati riformulati 14 prodotti, tra sughi e prodotti da forno al fine di ridurre il contenuto di zuccheri aggiunti nelle ricette.

14 prodotti riformulati per ridurre il contenuto di zuccheri aggiunti

Sono proseguite inoltre le attività di riduzione dei grassi saturi e del sodio, che nel 2017 hanno interessato 12 ricette.

4 prodotti riformulati per la riduzione dei grassi totali e 5 per la riduzione dei grassi saturi

3 Prodotti riformulati per la riduzione del sodio 

OLIO DI PALMA

Il processo di riformulazione dei prodotti è stato particolarmente significativo negli ultimi due anni, grazie alla sostituzione dell’olio di palma con olii vegetali a minor contenuto di grassi saturi. Siamo riusciti a ridurre oltre 4.350 tonnellate di grassi saturi e riformulare oltre 150 ricette.

Questo percorso ha avuto inizio diversi anni fa con i pani in Italia e alcune merende Harrys per il mercato francese. Nel mese di maggio 2016, tuttavia, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha pubblicato uno studio scientifico su contaminanti, presenti in diversa misura in oli vegetali fra cui l’olio di palma, che ne valuta gli impatti sulla salute, tenendo conto dei consumi di diversi prodotti alimentari. Per questa ragione, seguendo un principio di precauzione, Barilla ha accelerato la sostituzione dell’ingrediente “olio di palma” nella sua gamma.

I Nuovi Prodotti Barilla

Ogni giorno Barilla si impegna a sviluppare prodotti, caratterizzati da un eccellente profilo nutrizionale e a dimostrare una solida capacità di rispondere alle differenti esigenze delle persone. Nel corso dell’anno il Gruppo ha ampliato la propria gamma di prodotti integrali attraverso il lancio di 9 nuove ricette nelle categorie pasta e prodotti da forno.

Fra i nuovi prodotti sviluppati negli ultimi anni rivestono un ruolo importante quelli preparati per le persone celiache e intolleranti al glutine, con circa 16.600 tonnellate di prodotti senza glutine vendute da Barilla nel corso dell’anno.

I LEGUMOTTI

Dalla collaborazione tra Barilla ed Esselunga sono nati i Legumotti, chicchi di farina di legumi pensati per tutte le persone intolleranti al glutine e per tutti coloro che ricercano il benessere e la naturalità negli alimenti senza nulla togliere al gusto.
In questo prodotto la farina di ceci, di lenticchie rosse e di piselli, è lavorata in modo tale da ottenere chicchi con una forma simile a quella del riso, rendendolo dunque un alimento facile da cucinare ed abbinare in numerose ricette.

Oltre che per le eccellenti caratteristiche nutrizionali, i Legumotti sono un prodotto altamente innovativo anche per il progetto che ne è alla base. I Legumotti sono infatti sviluppati attraverso la tecnica del Design Thinking, un approccio creativo all’innovazione che pone al centro il consumatore.

Legumotti

Altre innovazioni sono state rivolte alla definizione di nuove ricette pensate per tutte le persone che hanno scelto di adottare una dieta vegana, in particolare per il mondo sughi. 

Infine è proseguito l’impegno di Barilla nello sviluppo di prodotti biologici realizzati con i migliori grani duri italiani da agricoltura biologica. Riguardo a questo tema, nel corso dell’evento fieristico Cibus Connect, tenutosi a Parma nel mese di aprile 2017, Barilla ha presentato e lanciato sul mercato la propria offerta di pasta biologica.

PASTA 3D
Barilla nel corso degli anni ha intrapreso un percorso innovativo volto all’integrazione delle tecnologie digitali più moderne all’interno dei propri processi produttivi.

Il Gruppo è stato infatti il primo produttore al mondo, nel settore alimentare, a ricercare nuove applicazioni delle stampanti 3D per la produzione di pasta. Dal lavoro di ricerca svolto e dalla collaborazione con il centro di ricerca olandese TNO, Barilla ha sviluppato il primo prototipo di stampante 3D al mondo in grado di produrre pasta fresca, utilizzando un impasto di semola di grano duro e acqua.
Le opportunità di applicazione di questa nuova tecnologia sono molteplici. Grazie a questa innovazione sarà possibile produrre formati unici di pasta, caratterizzati da forme e geometrie non ottenibili con le tradizionali tecnologie utilizzate per la produzione di pasta. L’innovazione non si ferma tuttavia unicamente alle forme, in quanto, grazie alla stampa 3D, si avrà la possibilità di personalizzare anche il gusto, la consistenza e il valore nutrizionale, grazie all’impiego di ingredienti come verdure, legumi, farine di altri cereali integrali per avere una pasta più ricca di fibre, o con un contenuto proteico più alto.

Il progetto è al momento in una fase di ricerca. Barilla, infatti, sta svolgendo tutte le valutazioni necessarie per comprendere gli scenari e le possibili applicazioni di questa innovazione coerentemente con le nuove esigenze delle persone.

Pasta 3 D
Incide Glicemico

L'indice glicemico indica la qualità dei carboidrati su una scala da 0 a 100 e distingue tra quelli che vengono digeriti rapidamente (indice alto) e quelli che vengono digeriti lentamente (indice basso).

Gli alimenti a basso indice vengono metabolizzati più lentamente e danno un senso di sazietà più a lungo.

Lo studio sviluppato dal Centro di Nutrizione Umana dell'Università di Milano, Centro di Nutrizione Umana dell'Università di Parma e Istituto Nazionale dei Tumori IRCCS, mostra la posizione dei prodotti Barilla nella scala dell'indice glicemico.

Lo studio ha analizzato 141 prodotti commerciali che rappresentano le principali categorie di alimenti e che sono la fonte di oltre l’80% dei carboidrati assunti in Italia con il relativo valore glicemico.

I prodotti alimentari scelti si basano principalmente sulla quota di mercato del marchio all'interno di ogni categoria di alimenti e sono stati raggruppati in 13 categorie di alimenti: 1) bevande: bevanda a base di latte fermentato, succo di frutta, frullato, bibita analcolica; 2) biscotti; 3) pane; 4) sostituti del pane; 5) cereali per la colazione; 6) dolci e snack; 7) caramelle e confetteria; 8) cereali; 9) dessert e gelati; 10) marmellata; 11) pasta; 12) pizza; 13) zucchero e dolcificante.

I valori glicemici sono stati determinati in base ai framework definiti da FAO/OMS e ISO.

Ai fini di questo rapporto, sono menzionate solo le categorie in cui sono inclusi i prodotti Barilla.

CATEGORIA DI PRODOTTO

NOME COMMERCIALE

INDICE GLICEMICO

BISCOTTI

 

Gran Cereale Frutta (Grancereale, Barilla)

51

 

Gran Cereale Cioccolato (Grancereale, Barilla)

 

52

 

Gran Cereale Classico (Grancereale, Barilla)

 

49

 

Macine (Mulino Bianco, Barilla)

 

52

 

Molinetti (Mulino Bianco, Barilla)

 

58

 

Fior di Latte (Mulino Bianco, Barilla)

47

 

Segreti di Bosco (Mulino Bianco, Barilla)

53

 

Pavesini (Pavesi, Barilla)

52

 

Gemme Integrali (Mulino Bianco, Barilla)

46

PANI

Pagnottelle classiche (Mulino Bianco, Barilla)

62

 

Pan bauletto al grano duro (Mulino Bianco, Barilla)

68

 

Pan bauletto bianco (Mulino Bianco, Barilla)

59

 

Pan bauletto 5 cereali e soia (Mulino Bianco, Barilla)

60

 

Pan Bauletto Fior di Fibra (Mulino Bianco, Barilla)

53

 

Cuor di Lino (Mulino Bianco, Barilla)

58

 

Pan Bauletto Integrale (Mulino Bianco, Barilla)

59

 

Sfilatini al grano tenero (Mulino Bianco, Barilla)

65

SOSTITUTI DEL PANE

Grissini classici friabili (Mulino Bianco, Barilla)

66

 

Cracker salati Sfoglia di grano (Mulino Bianco, Barilla)

63

 

Cracker integrali Sfoglia di grano (Mulino Bianco, Barilla)

63

 

Spianate croccanti con semi di zucca (Grancereale, Barilla)

53

 

Focaccelle con olio di oliva extravergine (Mulino Bianco, Barilla)

63

 

Fette Biscottate Le Dorate (Mulino Bianco, Barilla)

64

 

Fette biscottate Cuori di orzo (Mulino Bianco, Barilla)

45

 

Fette Biscottate Le Integrali (Mulino Bianco, Barilla)

73

 

Gallette Chicchi al vento (Grancereale, Barilla)

67

CEREALI DA COLAZIONE

Cereali croccanti classico (Grancereale, Barilla)

66

 

Cereali croccanti frutta (Grancereale, Barilla)

62

DOLCI E SNACK

Plumcake (Mulino Bianco, Barilla)

47

 

Nastrine (Mulino Bianco, Barilla)

47

 

Camille (Mulino Bianco, Barilla)

51

 

Brioche Cereali e Cioccolato (Grancereale, Barilla)

66

 

Pangoccioli (Mulino Bianco, Barilla)

50

 

Crostatina all’albicocca (Mulino Bianco, Barilla)

44

CEREALI

Orzo (Barilla)

58

 

Farro (Barilla)

63

 

Grano (Barilla)

72

PASTA

Penne (Barilla)

50

 

Pennette rigate (Barilla)

53

 

Spaghetti classici (Voiello)

51

 

Spaghetti n 5 (Barilla)

33

 

Spaghetti integrali (Barilla)

35

 

Tagliatelle all’uovo (Barilla)

55

 

Mini farfalle con carote e zucca (Piccolini, Barilla)

44

 

Mini penne rigate con zucchine e spinaci (Piccolini, Barilla)

48

 

Mini Pipe rigate con pomodori e carote (Piccolini, Barilla)

47

Fonte: Glycemic index and glycemic load of commercial Italian foods F. Scazzina, M. Dall’Asta, M.C. Casiraghi, S. Sieri, D. Del Rio, N. Pellegrini, F. Brighenti.